Home --> News --> Normativa

Ogni guanto ad uso professionale e da considerarsi un DPI, Dispositivo di Protezione Individuale e come tale deve essere corredato di certificazione secondo quanto previsto dalle Direttive CEE 89/686 e 89/656 e successive norme che sostituiscono, armonizzandole, le varie norme nazionali preesistenti.

I guanti sono stati classificati a seconda del tipo di protezione offerto, in 3 categorie:

  • Categoria I Rischi minori (protezione da rischi di danni fisici di lieve identità)
  • Categoria II Rischi intermedi (protezione da rischi non rientranti nella cat. I e lll)
  • Categoria III Rischi elevati (rischi di morte o di lesioni gravi e di carattere permanente)

regolamentate dalle seguenti norme:

  • EN 420 Guanti di protezione - Esigenze generali.
  • EN 388 Guanti di protezione contro rischi meccanici.
  • EN 374 Guanti di protezione contro prodotti chimici e microrganismi.
TOP
TOP

Per i guanti di categoria IIe III, la normativa CEE prevede che il Costruttore/lmportatore debba procedere alla certificazione presso un Ente accreditato. che rilascia il certificato di conformità, in base al quale il guanto potrà essere messo in vendita, se contrassegnato dal relativo marchio CE e corredato dalle informazioni tecniche sintetizzate a mezzo dei pittogrammi e delle istruzioni per l'uso richieste.

Più specificatamente:

EN 420:

condizioni generali relative ai requisiti essenziali di sicurezza: ergonomia, metodo e materiali di costruzione. compatibilità, conformità dimensionale, destrezza (5 livelli) e impermeabilità.

EN 388:

relativo alle prove di resistenza meccanica: resistenza all'abrasione (4 livelli), resistenza al taglio (5 livelli), resistenza alla lacerazione (4 livelli), resistenza alla perforazione (4 livelli).
EN 374: relativo alle prove di resistenza chimica ed ai microorganismi: resistenza chimica~ resistenza alla penetrazione, resistenza alla permeazione (tutte su 6 livelli).

Le caratteristiche prestazionali dei guanti (relative alla destrezza e alle resistenze meccaniche/chimiche) vengono classificate in 4,5 o 6 livelli. Più alto è il livello raggiunto, maggiore è la resistenza e destrezza e quindi migliore il guanto.

Per la categoria I viene concesso al Costruttore/lmportatore la possibilità di attestare la conformità alle esigenze essenziali, con una propria dichiarazione (autocertificazione) indicando solo sulla confezione contenente i guanti, la classe di appartenenza e le istruzioni per l'uso.
L'utilizzo in contatto con prodotti alimentari è regolamentato dal DM 21/3/73 e successivi DM 26/4/93 n. 220 e DM 28/10/94 n. 735 che prevedono una certificazione emessa da un Ente accreditato, attestante che il guanto abbia superato le prove di migrazione prescritte. La confezione del guanto deve essere corredata dall'apposita dicitura e/o logo ed eventualmente precisare le relative eccezioni
Home | Mail | News | Rete vendita | Servizio consumatori | Avvertenze | Legal page | Links
ICOGUANTI S.p.A. • Corso Carbonara, 10A - 16125 Genova • Tel. 010 218298 r.a. - Fax 010 2724051